Domenica 19 Novembre 2017  

GIORNALE DI SERVIZIO ED INFORMAZIONE INTERNAZIONALE

IN EVIDENZA

  • Nessuna notizia in evidenza

LA SOLUZIONE NELLA VERA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE di Foad Aodi

Immigrazione, Foad Aodi:

"La soluzione nella vera cooperazione internazionale tra le due Sponde del Mediterraneo"

Sono circa 215 mila i morti in Siria,  3,8 milioni i rifugiati dei quali la metà sono bambini. Più di 4 milioni i profughi contati dall'Alto Commissario Onu. Intrappolati nel Paese o in fuga verso l'Europa. Quella siriana è solo una delle guerre che lacerano il Medio Oriente. Morte, macerie e povertà.  Scenario condiviso da realtà diverse ma tanto vicine in termini di disperazione.

L'Associazione dei Medici di Origine Straniera AMSI riporta i dati più recenti delle fonti mediche yemenite, il risultato di una guerra civile che si è aggravata  dai bombardamenti contro i ribelli houti. 7.400 il numero dei feriti,  3.114 quello  delle vittime: 745 bambini, 564  donne, 1.805  uomini. Più di 300 mila case andate in frantumi, 67 ospedali,   305 scuole e centri per l'istruzione e 27 Università.

"Siamo profondamente preoccupati per questa crisi internazionale", commenta Foad Aodi, Presidente della Comunità del Mondo Arabo in Italia (Co-mai), dell'Associazione dei Medici di Origine Straniera AMSI. "Riceviamo continue richieste di aiuto nei nostri sportelli AMSI dall'Italia e dall'estero" - prosegue -"assistenza sanitaria, riconoscimenti di titoli di laurea estere , pratiche amministrative sono all'ordine del giorno. Vogliamo fornire un aiuto concreto a chi vive una situazione di disagio". Secondo il Presidente di Co-mai la risposta alla mancanza dei servizi socio-umanitari nei Paesi di origine si trova nella vera cooperazione internazionale tra i Paesi dell'Euro-mediterraneo.

"Rafforzati  dalla mia designazione a Focal Point per l'integrazione in Italia per l'Agenzia dell'ONU UNAOC – da parte del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale - portiamo avanti con i medici di tutto il mondo una rete attiva di sostegno agli immigrati ed alle vittime delle guerre. Abbiamo aderito alla RIDE- Rete Italiana per il Dialogo Euro-mediterraneo, che speriamo di arricchire con la nostra competenza. Nel recente incontro di Roma, abbiamo individuato in sanità, cultura, arte e sport i punti da sviluppare in termini di cooperazione con l'Ambasciatore della Lega Araba in Italia Nassif Youssef Hitti, il Suo Vice Zouheir Zouairi, Prof. Michele Capasso, Presidente della Ride e il Coordinatore delle iniziative euro-mediterranee alla Farnesina, Enrico Granara. Sono dei linguaggi universali che uniscono e non dividono. Possiamo  in questo modo favorire lo sviluppo di tendenze sociali spontanee e inclusive. La RIDE, creata nel 2013 per unificare i soggetti italiani più impegnati nel dialogo interculturale euro-mediterraneo attraverso la Fondazione Anna Lindh (quest’ultima operante da Alessandria d’Egitto), abbraccia il lavoro svolto da Amsi, Co-mai e “Uniti per Unire”  per ricercare nuovi spazi e imprimere nuova linfa alle attività di dialogo e di incontro tra tutti i soggetti della società civile attorno al Mediterraneo. La RIDE ha il grande vantaggio di contare sulla ventennale esperienza della Fondazione Mediterraneo (FM), fondata a Napoli dall’Arch. Capasso, quale promotore del primo forum della società civile di tutto il Mediterraneo. L'unione di risorse e delle diverse conoscenze favorisce naturalmente il dialogo tra le due Sponde del Mediterraneo". (Aodi).

altre notizie
advertisement
PER LA TUA PUBBLICITÀ SU LASVOLTA.info
advertisement
PER LA TUA PUBBLICITÀ SU LASVOLTA.info
Il prossimo evento

Caparezza incontra i fan a Romaest

Caparezza incontra i fan a Romaest e firma le copie del suo nuovo album 'Prisoner 709' Martedì 26 settembre, alle ore 17:00, presso l'area eventi, secondo piano ingresso nord, del Centro Commerciale Romaest, Via Collatina, 858, Caparezza incon [...]