Domenica 19 Novembre 2017  

GIORNALE DI SERVIZIO ED INFORMAZIONE INTERNAZIONALE

IN EVIDENZA

  • Nessuna notizia in evidenza

DOPO NOTINMYNAME LANCIAMO L'APPELLO : TUTTIUNITIPERILGIUBILEO

(DIRE) Roma - "Le Comunita' del Mondo Arabo in Italia (Co-mai) esprimono i loro auguri a Papa Francesco e a tutti i cristiani per questo Giubileo. Ci auguriamo che l'Anno Santo scorra all'insegna della pace per i cristiani, i musulmani, gli ebrei e i laici,  e che sia possibile una convivenza collaborativa tra le diverse culture e religioni, basata sul rispetto reciproco e sull'accettazione delle differenze". Questo il messaggio di Foad Aodi, presidente della Comunita' del Mondo Arabo in Italia (Co-mai) e Focal Point per l'integrazione presso l'Agenzia Onu Unaoc, alla vigilia di questo Giubileo straordinario dedicato al tema della Misericordia.
L'Anno Santo ha avuto inizio il giorno 8 dicembre - l'Immacolata Concezione - e si concludera' il 20 novembre 2016. E' l'occasione
per i fedeli di ricevere l'indulgenza, il perdono dai peccati commessi, che porta alla riconciliazione con l'amore di Dio e del prossimo.
Dall'augurio di pace universale di Aodi emerge la chiara volonta' di rafforzare il dialogo inter-religioso e la cooperazione interna  tra italiani e stranieri  in risposta alle ripetute stragi targate Isis: "Dopo "Not in my name", lanciamo l'appello "TuttiUnitiperilGiubileo" invitando i musulmani ed arabi d'Italia, i cittadini italiani e di origine straniera, a collaborare con le Istituzioni italiane, riportando loro qualsiasi caso sospetto di pericolo. Siamo tutti i difensori del Giubileo, della sicurezza e dell'armonia in Italia".

Dalle parole del presidente di Co-mai, dell'Amsi (Associazione dei Medici di Origine Straniera in Italia) e del Movimento di Uniti per Unire, nell'unione per il Giubileo si trova la via di armonia e insieme la via di opposizione al "cancro" del terrorismo. 
"il Giubileo- prosegue- deve essere un'occasione storica per avvicinare i cittadini italiani e i cittadini di origine straniera alle Istituzioni, per intensificare la collaborazione contro i pregiudizi e le strumentalizzazioni della politica.
Serve una maggiore unione contro la guerra civile e psicologica voluta dall'Isis. Questa guerra cresce ogni giorno al crescere
del 'franchising' del terrore realizzato da tutti i suoi affiliati, dai 'lupi solitari' del 'consorzio del terrore' dell'Isis. Sono loro i nostri piu' grandi nemici in Occidente, dobbiamo combatterli attraverso politiche anti-radicalizzazione e anti-strumentalizzazione politica".

Proprio nel quadro delle strumentalizzazioni, Aodi si definisce contrario a qualsiasi travisamento del senso puro della religione islamica, citando come esempio la decisione di sospendere i canti natalizi presso una scuola del nord per non causare disturbo ai 'non cristiani'. Non c'entra  affatto con la religione islamica - sottolinea - nessun musulmano sarebbe stato contrario.

Il Natale e i canti natalizi sono molto rispettati dall'Islam e dai musulmani, come e' per tutti i cittadini che seguono altre religioni. Consiglio a chiunque lavori presso un'istituzione pubblica, e a tutti coloro che per estensione divulgano una notizia, di non travisare il valore della religione e la sua vera storia".

altre notizie
advertisement
PER LA TUA PUBBLICITÀ SU LASVOLTA.info
advertisement
PER LA TUA PUBBLICITÀ SU LASVOLTA.info
Il prossimo evento

Caparezza incontra i fan a Romaest

Caparezza incontra i fan a Romaest e firma le copie del suo nuovo album 'Prisoner 709' Martedì 26 settembre, alle ore 17:00, presso l'area eventi, secondo piano ingresso nord, del Centro Commerciale Romaest, Via Collatina, 858, Caparezza incon [...]