Domenica 19 Novembre 2017  

GIORNALE DI SERVIZIO ED INFORMAZIONE INTERNAZIONALE

IN EVIDENZA

  • Nessuna notizia in evidenza

PER I PRIMI 2 ANNI IN CASO DI LICENZIAMENTO NESSUNA INDENNITA’

Uscivano in Gazzetta Ufficiale, circa una settimana fa, i primi due decreti attuativi della riforma del lavoro, rivolti a chi non ha più un’occupazione.

Il  Jobs Act consente che i datori di lavoro possono licenziare il lavoratore anche in assenza di giustificato motivo oggettivo, fatto salvo che si resti in tema di licenziamenti economici o disciplinari. La reintegra vale solo per i licenziamenti discriminatori.

Il lavoratore deve essere in grado di dimostrare, davanti al giudice, che il fatto era inesistente e così può obbligare il datore di lavoro sia alla reintegra che ad un risarcimento.

Il licenziamento, però, è comunque esecutivo e il lavoratore ha diritto ad un indennità non comprensiva di contributi previdenziali. Nel caso di licenziamento per i primi due anni di lavoro, al dipendente non spetta alcun indennizzo con il contratto a tutele crescenti. Resta comunque valida la nuova Naspi, che viene concessa a tutti i lavoratori che hanno perso il lavoro per motivi differenti dalla propria volontà.  A partire da gennaio 2016 i contratti di collaborazione coordinata e continuativa, co.co.co, non potranno più essere stipulati, fermo restando le altre modalità di lavoro atipico, compreso il tempo determinato, che non potrà essere superiore a due anni.

 

articolo da Bea Maurizio

altre notizie
advertisement
PER LA TUA PUBBLICITÀ SU LASVOLTA.info
advertisement
PER LA TUA PUBBLICITÀ SU LASVOLTA.info
Il prossimo evento

Caparezza incontra i fan a Romaest

Caparezza incontra i fan a Romaest e firma le copie del suo nuovo album 'Prisoner 709' Martedì 26 settembre, alle ore 17:00, presso l'area eventi, secondo piano ingresso nord, del Centro Commerciale Romaest, Via Collatina, 858, Caparezza incon [...]